Notizie

Marco Mazzocchi: “Così Balotelli ha cambiato registro sui social”

Marco Mazzocchi

1. Liedholm diceva: “Se la palla ce l’abbiamo noi, gli altri non possono segnare”. È un po’ quello che sta accadendo con i social network: si sta modificando il ruolo della stampa e si va verso una disintermediazione totale della comunicazione dei club – che diventano veri e propri editori - nei confronti dei tifosi?
La direzione è quella. L'informazione arriva al tifoso senza mediazione. Tv, soprattutto le pay che pagano interviste esclusive, radio, in alcuni casi tramite accordi coi club, e giornali si accontentano di saltuarie interviste. La passività al riguardo della FNSI (Fderazione Nazionale Stampa Italia, ndr) e dell'ODG (Ordine Nazionale dei Giornalisti, ndr) è palese. Ma non so quali armi avrebbero.

2. Sono cambiati anche i tifosi con l’avvento dei social e, purtroppo, sono arrivati anche gli hater: qual è la ricetta per affrontare questo fenomeno?
Bloccare. Denunciare. Magari una legge specifica. Sì alla libertà di espressione, no alla libertà d’insulto.

3. Quale valore aggiunto dà ad un club la presenza sui social network?
Il contatto diretto con tifoso. Regalargli momenti esclusivi tenendolo lontano dal campo d'allenamento. Magari distrarli da momenti negativi. Certo condizionarne il giudizio in maniera diretta o indiretta.

4. Si può dare un valore economico agli account social delle squadre e dei calciatori?
Non sono in grado di farlo.

5. Anche i calciatori diventano editori sui social. Alcuni si improvvisano, non si affidano a un team digital e possono andare incontro ad episodi che possono incidere sulla loro immagine. Quanto potrebbe essere utile una sorta di “educazione digitale”?
Per i giocatori sarebbe fondamentale. Richiederebbe impegno. Non so quanti sarebbero disposti a perderci tempo.

6. Un grande club si giudica anche da come comunica sui social?
Più è strutturato e meglio comunica. Ma anche un social manager di un piccolo club può far bene.

7. A suo avviso quali sono i migliori esempi di gestione social di squadre e giocatori in Serie A?
Balotelli si è affidato a un team di professionisti. Ora è tutta un'altra cosa.

8. Cosa pensa della campagna elettorale lanciata proprio sui social da Damiano Tommasi per la presidenza della Figc?
Non so a cosa serva. Giusto per l'immagine. Si vota in Assemblea non su Twitter.

Giulia Spiniello - Massimo Tucci