Il videogame creato da Lewandowski per diventare arbitro

Il bomber del Bayern Monaco e della nazionale polacca sta investendo nell'industria videoludica. L'ultima idea in fase di sviluppo è un videogame in cui si gioca nei panni dell'arbitro.

pubblicato il
Immagine articolo

Robert Lewandowski oltre ad essere un finalizzatore implacabile che continua a collezionare goal con le maglie del Bayern Monaco e della Polonia, fuori dal campo si dimostra un imprenditore dalle idee innovative.

Il fuoriclasse polacco è infatti tra gli atleti che hanno deciso di anticipare il post carriera con degli investimenti oculati in aziende che possano generare business oltre il calcio giocato. Nel caso di Lewandowski è l'industria videoludica il raggio d'azione in cui muoversi e l'ultima idea innovativa che il campione sta sviluppando insieme alla sua software house "Goat Gamez" è un simulatore sportivo che vuole affermarsi sul mercato dei videogame.

Dal titolo "Referee Simulator", si tratta di un videogame in cui si vestono i panni dell'arbitro ed è possibile giocare una partita singola, o fare un'intera carriera da direttore di gara.

Una scelta innovativa in cui vengono presi in considerazione i parametri fisici e mentali del protagonista assoluto e con l'obiettivo di simulare il più possibile la realtà anche nel dialogo, le proteste dei calciatori o il comportamento del pubblico. Attraverso un primo sguardo al trailer, infatti, vi sono diversi parametri di cui tener conto: Resistenza fisica e mentale, stress durante la partita e il rispetto nei confronti dei giocatori e del pubblico.

 

Non è vi è ancora una data ufficiale di rilascio del videogame, nè tantomeno è stato reso noto su quali piattaforme sarà disponibile ma la pagina Steam del gioco è già presente ed il bomber polacco ha tutta l'intenzione di fare goal con un gioco rivoluzionario che può fare la storia.